Al momento stai visualizzando Biglietti metro Parigi, la guida con le informazioni aggiornate

Biglietti metro Parigi, la guida con le informazioni aggiornate

  • Categoria dell'articolo:Viaggi

Biglietti metro Parigi: dove farli, quanto costano, abbonamenti e sconti. La guida con tutte le informazioni aggiornate al 2024.

Quando pianifichiamo un viaggio a Parigi, una delle cose che più ci interessa è la metropolitana e, in particolare, i biglietti.

La metro è il mezzo per eccellenza che ci consente di visitare la città, grazie alle sue 16 linee e le 391 stazioni. Ma come funzionano biglietti e abbonamenti della metro? Quali sono i prezzi?

Abbiamo creato questa guida aggiornata per rispondere a queste domande, anche perché negli ultimi anni ci sono state delle importanti modifiche.

E allora, cominciamo subito!

biglietti metro parigi
Biglietti metro Parigi

Biglietti metro Parigi: come funziona oggi

Vediamo per prima cosa come funzionano i biglietti della metro di Parigi.

Innanzitutto il biglietto (chiamato t+) è indispensabile per accedere alle stazioni della metro, che presentano dei tornelli o delle barriere all’entrata.

Quando facciamo passare il biglietto nella macchina per aprire il tornello, in automatico il ticket risulta convalidato.

Facciamo quindi attenzione.

Se infatti entriamo per sbaglio in una stazione errata, risulterà comunque come viaggio, anche se poi non saliamo effettivamente sulla metro.

Nel caso di biglietto cartaceo, è importante conservarlo fino a che non siamo usciti dalla stazione. Potrebbe infatti esserci richiesto da un controllore o per uscire da certe stazioni.

Il biglietto t + caricato sul pass Navigo Easy ci permette di viaggiare non solo sulle linee della metropolitana, ma anche sulle linee RER della zona 1, sulle linee di autobus dell’Île-de-France (ad esclusione dei OrlyBus e RoissyBus), sulle linee di tram e sulla funicolare di Montmartre.

Lo stesso biglietto poi è valido per fare qualunque scambio sulle linee della metro, a patto di non superare un’ora e mezza dalla convalida del biglietto e di non uscire mai dal sistema della metropolitana.

In passato erano disponibili biglietti cartacei t+ anche nel formato carnet, che comprendeva 10 ticket.

A partire da ottobre 2021 questo sistema è stato lentamente smantellato e da marzo 2022 i carnet non vengono più venduti.

Questo sistema infatti è stato sostituito dal carnet digitale Contactless t+, che costa 2 euro in meno rispetto alla vecchia versione cartacea.

Molto comodo anche il Navigo Easy Pass, acquistabile a 2 euro. Questo può essere ricaricato in diversi modi: presso le biglietterie automatiche, i rivenditori o con il nostro smartphone, tramite la comodissima app Bonjour RATP.

Ne abbiamo parlato proprio nell’articolo dedicato alle migliori app per la metro di Parigi.

Quanto costa il biglietto della metro a Parigi

Quanto costa un biglietto della metro a Parigi? Il singolo ticket costa 2,10 €, mentre il carnet da 10 costa 16,90 € (prezzi aggiornati a marzo 2024).

C’è anche il carnet da 10 ridotto, che costa 8,45 € ed è valido solo per alcune categorie (in particolare i bambini dai 4 ai 10 anni).

Infine, è ancora possibile acquistare un biglietto singolo a bordo dell’autobus, al costo maggiorato di 2,50 € (dal 1 gennaio 2023).

La metro di Parigi

Oggi il mezzo più utilizzato dai visitatori di Parigi, ma anche dai parigini stessi, è proprio la metropolitana.

In particolare, la metro è utilissima per spostarsi nel centro della città e visitare tutte le principali attrazioni.

In poco tempo e con poca spesa infatti ci si può spostare da un capo all’altro di Parigi, in tutta comodità. Al di sotto di Parigi infatti si estende una fitta rete di linee, che collegano ogni luogo.

Non dipende in che zona della città ci troviamo: sicuramente percorrendo pochi minuti a piedi troveremo una stazione della metropolitana.

Ma come viene gestita la metropolitana?

A Parigi, la gestione della metro è affidata alla RATP (Regie Autonome des Transports Parisiens) fin dal 1948.

Oggi la RATP però gestisce non solo la metro, ma anche gli autobus di Parigi (notturni e diurni), oltre al complesso sistema di treni RER, che collega Parigi con la periferia.

Il fatto che un unico ente pubblico si occupi di tutta la rete di trasporto pubblico parigino torna estremamente utile a noi viaggiatori.

In che modo?

Innanzitutto i vari mezzi di trasporto sono molto ben integrati tra di loro. Ma non solo.

Anche per quanto riguarda i biglietti abbiamo dei vantaggi.

Infatti, i tickets di bus, metro e treni sono intercambiabili e ci consentono di spostarci agilmente, sfruttando più mezzi con un unico biglietto (a patto ovviamente di rispettare le condizioni di utilizzo).

Per scoprire tutti i mezzi di trasporto della città, ecco la guida su come muoversi a Parigi.

Utilizzare metro, RER o autobus: qual è la migliore soluzione

Di fronte a questa abbondanza di offerta, cosa è meglio usare: metro, treni RER o autobus?

Tutto dipende dalla zona che intendiamo visitare.

Nel centro di Parigi, la metro è nella maggior parte dei casi la soluzione più veloce e comoda. E’ sicuramente quella che sfrutteremo di più durante il nostro soggiorno.

Se però vogliamo assaporare maggiormente la vita parigina, possiamo fare alcuni tratti in autobus: vedremo la città scorrere davanti ai nostri occhi e non saremo confinati sottoterra.

Inoltre, negli orari di punta, in caso di lavori o disservizi (come nel caso di scioperi), la rete di autobus viene in supporto alla metro e risulta un’ottima alternativa.

Infine, la RER è ideale per gli spostamenti urbani più lunghi o per raggiungere delle attrazioni che si trovano in periferia, come la reggia di Versailles.

Leggi anche:
– Le più belle frasi su Parigi (anche in francese).

Conclusioni

Bene, siamo arrivati alla fine di questa guida dedicata ai biglietti della metro di Parigi.

I treni della metro iniziano a circolare intorno alle 5.30 del mattino e continuano fino all’1.15 (intorno alle 2 invece il venerdì e il sabato notte), quindi sono davvero comodi.

Inoltre passano mediamente ogni pochi minuti, quindi le attese sono rare.

Nei miei viaggi a Parigi non mi è mai capitato di aspettare un treno per più di 5 minuti.

Attenzione solo agli orari di punta, quando i vagoni potrebbero essere strapieni.

Il mio suggerimento è quello di evitare se possibile spostamenti in questi orari critici, in particolare sulle linee 1, 4 e 13.

Proprio nel mio ultimo viaggio però mi è capitato di dover necessariamente prendere la linea 4 durante l’ora di punta per raggiungere un appuntamento di lavoro.

Ho quindi aspettato due treni prima di trovarne uno in cui non mi sarei sentita una sardina, ma alla fine non sono arrivata in ritardo perché appunto la frequenza dei treni è elevata.

Se poi ci fermiamo nella capitale francese per qualche giorno e prevediamo di fare un buon numero di spostamenti con i mezzi pubblici, allora dovremmo valutare l’acquisto del Paris Visite, un pass che potrebbe farci i risparmiare un bel po’.

A presto,
Carol