Al momento stai visualizzando Come muoversi a Parigi, i mezzi di trasporto migliori

Come muoversi a Parigi, i mezzi di trasporto migliori

  • Categoria dell'articolo:Viaggi

Come muoversi a Parigi, anche spendendo poco. I mezzi di trasporto migliori per spostarsi nella ville lumière.

Muoversi a Parigi con i mezzi pubblici è incredibilmente facile, se si conoscono alcune accortezze.

Proprio per questo motivo abbiamo creato questa guida, dedicata a come spostarsi nella capitale parigina, anche risparmiando il più possibile.

Il modo migliore per risparmiare tempo, stress e denaro è sicuramente quello di spostarsi con i mezzi pubblici, che a Parigi sono ben organizzati e comodi.

Questi sono utili per muoversi all’interno della città, ma anche per spostarsi nella periferia, dove si trovano attrazioni interessanti come Disneyland Paris o Versailles, ma anche diversi aeroporti.

In questa guida quindi vedremo quali mezzi possiamo utilizzare, ma anche quali sono vietati.

E allora, cominciamo!

come muoversi a parigi
Come muoversi a Parigi nel 2024.

Come muoversi a Parigi

Per prima cosa, ecco un elenco dei diversi modi in cui possiamo spostarci a Parigi:

  • a piedi,
  • metropolitana,
  • autobus,
  • treni RER,
  • taxi,
  • noleggio biciclette Velib,
  • battello/bato bus,
  • tram,
  • auto (a noleggio o car sharing).

Vietato invece dal 1° settembre 2023 l’utilizzo dei trottinette, i monopattini elettrici, a seguito di un referendum consultivo.

Uno dei modi migliori per muoversi a Parigi è sicuramente quello di camminare.

Esplorare la città passeggiando lungo i grandi boulevards o tra le piccole vie di Montmartre è infatti l’ideale per respirare la vera atmosfera parigina.

Inoltre camminando potremo vedere scorci unici della città, che la maggior parte dei turisti si perde.

Tuttavia, se abbiamo poco tempo a disposizione dobbiamo essere il più efficienti possibili. Camminare può comunque essere un’ottima soluzione: basta avere un po’ di allenamento e scarpe adatte.

Se però l’idea di muoverci a piedi non ci soddisfa, possiamo usufruire del servizio di trasporto pubblico.

A Parigi infatti è attivo un sistema di trasporti che fa invidia alle migliori capitali europee, e non solo.

simbolo metro parigi
Simbolo della metro a Parigi.

Il mezzo più usato è la metropolitana.

Aperta nel 1900, ad oggi conta ben 16 linee (14 principali e 2 secondarie), collegate con i treni del sistema RER, e 391 stazioni.

Riconoscere una stazione della metropolitana in strada è molto facile: generalmente infatti sono segnalate con un cartello con la lettera M, o con le scritte Métro Métropolitain.

Per stabilire il nostro itinerario possiamo consultare le mappe presenti in ogni stazione, oppure utilizzare un’app dedicata al trasporto pubblico parigino.

E’ certamente il metodo più veloce, ma devo dire che anche stabilire i propri spostamenti guardando la cartina fisica ha il suo fascino.

Un altro modo per muoversi a Parigi, diverso dal solito è quello di utilizzare un bus turistico, detto anche Hop-On Hop-Off.

Questi autobus hanno più linee che passano davanti ai luoghi più belli di Parigi e le fermate si intersecano in punti strategici.

Possiamo quindi salire a qualunque fermata, anche su una linea differente rispetto a quella precedente. E’ davvero comodo!

Invece di spostarci con la metro, per una giornata utilizziamo le fermate di questi bus scoperti, che ci consentono di vedere la città da una prospettiva insolita.

Ho provato diverse compagnie e la mia preferita è Big Bus: ha i percorsi migliori ed è pratica.

Per coprire grani distanze o per spostarci in periferia, il mezzo migliore è invece il treno RER.

I classici autobus e i tram invece sono utili per integrarsi con il sistema della metropolitana. Ci permettono inoltre di vedere la città da una prospettiva diversa (la maggior parte dei treni della metro sono infatti sotterranei).

stazione metro parigi interno
L’interno della stazione della metropolitana Arts et Métiers di Parigi.

Trasporti di Parigi: i treni RER

A Parigi ci sono 5 linee RER (Réseau Express Régional): A, B, C, D, E. I treni circolano tutti i giorni dalle 5.30 all’1.20 circa.

La rete RER collega Parigi con i sobborghi periferici, ma anche destinazioni popolari come l’aeroporto CDG (terminal 1 e 2, RER B), Disneyland Paris (RER A) e Versailles (RER C). Può quindi essere molto utile per i nostri spostamenti.

Per utilizzare questi treni, dobbiamo scegliere tra due tipologie di biglietti.

Se ci spostiamo con la RER all’interno del centro di Parigi (la cosiddetta zona 1), allora posiamo usare il classico biglietto valido anche per la metro (ticket t+).

Se invece andiamo in periferia, dobbiamo acquistare un biglietto particolare, detto Billet Ile-de-France.

Spesso le stazioni dei treni della RER si trovano all’interno delle stazioni della metropolitana più grandi, come Chatelet Les Halles.

Ma a Parigi ci sono anche 7 stazioni dedicate ai treni: Gare du Nord, Gare de l’Est, Gare de Lyon, Gare Montparnasse, Gare d’Austerlitz, Gare de Bercy e Gare Saint Lazare.

Leggi anche:
– Quante ore prima in aeroporto.
– Cosa mangiare a Parigi: i piatti tipici che fanno venire l’acquolina in bocca.

Mezzi pubblici di Parigi: gli autobus

Parliamo ora degli autobus di Parigi, che circolano solitamente dal lunedì al sabato, dalle 7:00 alle 20:30, ma le linee più importanti attive fino alle 00:30.

Ci sono poi anche autobus che circolano durante i giorni festivi. Quando la metro chiude di notte (dopo l’1:00 dalla domenica al giovedì e dopo le 2:00 il venerdì e il sabato) poi possiamo prendere i Noctilien, degli autobus notturni attivi fino alle 5.30 del mattino.

Le fermate degli autobus sono facilmente riconoscibili e sono distribuite in tutta Parigi.

Ad ogni fermata inoltre troviamo il nome della stessa, il numero delle linee che si fermano lì, mentre non sempre è presente il monitor che indica i due passaggi successivi degli autobus.

Per percorrere lunghe distanze, il bus non è certo il mezzo di trasporto migliore: metro e treno lo battono, soprattutto perché non rischiamo di restare bloccati nel traffico.

In particolare nelle ore di punta.

E’ comodo però per vedere la città mentre ci si sposta e può essere un mezzo di trasporto alternativo e divertente, oltre che economico.

Come muoversi a Parigi spendendo poco

Come muoversi a Parigi spendendo poco?

Iniziamo con un mezzo gratuito: le nostre gambe! Come accennavamo nella sezione precedente infatti, camminare è il modo migliore per visitare la città, ed è gratis!

Tuttavia, la mancanza di tempo, la stanchezza o le condizioni meteo avverse potrebbero convincerci a cercare un altro modo per spostarci e visitare la città.

In questo caso il mezzo migliore è senza alcun dubbio la metropolitana.

A Parigi infatti il metro è estremamente comodo e popolare: ogni giorno trasporta più di 6 milioni di persone. Sono numeri davvero impressionanti!

Un biglietto (chiamato t+) per una singola corsa costa 2,10 €, mentre il carnet da 10 costa 16,90 € (prezzi aggiornati a dicembre 2023).

Per approfondire il tema, ecco l’articolo dedicato ai biglietti della metro di Parigi.

Un metodo alternativo che ci consente di risparmiare sui trasporti (ma non solo) è la carta trasporti Paris Visite.

Si tratta di un abbonamento disponibile per diverse zone e giornate  (1,2,3 o 5 giorni consecutivi): questo forfait comprende l’utilizzo di RER, metro, autobus e funicolare di Montmartre.

Conviene comprare il Paris Visite? Dipende.

Se ci spostiamo molto, questo abbonamento è conveniente.

Se invece sappiamo che faremo solo pochi spostamenti con i mezzi pubblici, allora ci conviene acquistare di volta in volta un biglietto t+.

Leggi anche:
– Souvenir di Parigi, ecco i più belli.
– Outfit Parigi: come vestirsi in ogni stagione.

Conclusioni

Bene, siamo arrivati alla fine di questa guida su come muoversi a Parigi, anche spendendo poco.

Dopo esserci stata così tante volte, questi sono i miei consigli per girare al meglio la città.

A presto,
Carol