Al momento stai visualizzando Gennadi Grand Resort: La Recensione Completa
  • Save

Gennadi Grand Resort: La Recensione Completa

  • Categoria dell'articolo:Viaggi

Ecco la recensione del Gennadi Grand Resort di Rodi (Grecia). Le nostre opinioni sulla struttura, i servizi, le camere, il cibo, la posizione, pregi e difetti di questo hotel.

Per la nostra mini luna di miele, abbiamo deciso di andare a Rodi, al Gennadi Grand Resort.

E’ stata una decisione dell’ultimo minuto, con la conferma del volo ricevuta a poco più di una settimana dalla partenza.

In effetti, dopo il matrimonio ci sarebbe piaciuto andare in una meta esotica e lontana, ma a causa delle varie restrizioni ai viaggi fuori dall’Europa, abbiamo dovuto attendere qualche mese per coronare questo sogno.

La Grecia quindi ci è parsa una buona soluzione per trascorrere una settimana di relax subito dopo le nozze.

Ecco la recensione della nostra esperienza in questo hotel 5 stelle di Rodi: è stato all’altezza delle aspettative?

gennadi grand recensione
La nostra esperienza al Gennadi Grand Resort di Rodi: ecco la recensione.

La posizione

Il Gennadi Grand Resort è situato in un piccolo villaggio di pescatori, nella zona sud-orientale dell’isola di Rodi.

Si trova a circa 30 minuti in auto da Lindos (19 km), e a 67 km dall’aeroporto di Rodi.

Per arrivare da quest’ultimo all’hotel, i tempi di percorrenza in macchina/taxi sono di circa un’ora, mentre con i pullman organizzati dai vari tour operator (il nostro era Francorosso/Alpitour) i tempi si possono allungare notevolmente, considerando le varie soste per lasciare i turisti ai diversi hotel.

Nella nostra esperienza, se alloggiate Gennadi Grand, sarete probabilmente tra gli ultimi a lasciare il pullman.

Il paesino di Gennadi è molto piccolo e non offre particolari attrattive. In compenso, troviamo una grande pace e tranquillità.

lindos rodi
Baia di Lindos (Rodi).

Per quel che riguarda invece Rodi, la posizione dell’isola la rende particolarmente indicata per il periodo in cui l’abbiamo visitata noi (settembre), perché le temperature sono calde, ma non afose, e anche l’acqua del mare è molto piacevole.

Ci hanno detto che in piena estate invece può fare davvero caldo, ma il vento praticamente sempre presente dovrebbe rendere la situazione un po’ più sopportabile.

La struttura del Gennadi Grand Hotel

Il Gennadi Grand Hotel si sviluppa in un’area piuttosto vasta, ma comunque facile da percorrere. Nel blocco principale troviamo hall, reception, Spa, palestra, diversi bar, terrazza panoramica e uno dei ristoranti.

Le camere sono distribuite in piccole palazzine di massimo due piani, che si integrano bene con il paesaggio circostante.

gennadi grand hotel
I vialetti del resort, circondati da fiori colorati.

Nella struttura del Gennadi Grand sono poi presenti diverse piscine e ristoranti. Tutte le diverse zone sono ben collegate tra loro ed è facile muoversi e orientarsi.

La zona più vivace è sicuramente quella che circonda la piscina centrale, mentre le altre due piscine sono molto più tranquille.

Il giardino è per lo più rigoglioso, anche se in alcune zone era appena stato piantumato ed era un po’ spoglio (soprattutto nell’area adiacente la spiaggia).

Immagino che nei prossimi anni questa situazione sarà risolta.

Gli ambienti esterni sono raffinati e ed eleganti, mentre negli interni prevale uno stile lussuoso e sobrio.

gennadi grand
E’ il momento di un aperitivo.

Le camere del Gennadi Grand Resort

A causa di un errore al momento del check in in reception, abbiamo trascorso la prima notte in una camera classica, mentre dalla successiva siamo stati nella suite che effettivamente avevamo prenotato.

Questo piccolo disguido ci ha permesso di vedere e vivere entrambi i tipi di stanza, traendo interessanti conclusioni.

Ma prima, parliamo della camera stessa.

Il design della stanza è molto bello: minimal, pulito, lineare.

Lo stile moderno ci è piaciuto molto.

Doccia e servizi igienici si trovano in due stanze separate, come è uso in molti hotel di lusso.

Personalmente è una scelta che mi piace.

Nel bagno è presente il doppio lavandino ed un ampio specchio.
Nella stanza infine troviamo a nostra disposizione una macchina del caffè.

A completare il tutto, anche una terrazza attrezzata, che da sul giardino.

Considerando lo stile, la camera mi è piaciuta molto.

C’era però una pecca: non c’è sufficiente spazio idoneo per sistemare ed appendere i vestiti.

gennadi resort rodhes
Vista dall’alto del Gennadi Grand Resort.

Camera classica o suite?

Come vi dicevo, a causa dello scambio di camere, abbiamo avuto modo di dormire anche in una camera classica.

Lo stile in generale è molto simile rispetto alla suite, che offre qualche comfort in più (il doppio lavandino, ad esempio).

Gli spazi in una camera classica sono inoltre ridotti, mentre la suite dispone di una camera in più, dotata anche di un divano.

Cosa è meglio? Vale la pena prendere la suite?

Avendole viste entrambe, penso che la camera classica sia un’ottima soluzione. L’unico difetto che c’è poco spazio per vestiti e valigia.

Nella suite invece c’è effettivamente spazio per mettere le valigie, dato che c’è la seconda stanza a disposizione e gli spazi sono maggiori.

Ma comunque, anche nel caso della suite, manca lo spazio attrezzato per i vestiti.

Per il resto, le due stanze si assomigliano molto.

piscina gennadi resort
Una delle magnifiche piscine del Gennadi.

il cibo e la cucina del Gennadi Grand Resort

Quando vado all’estero in vacanza, non ho mai grandi aspettative per quel che riguarda il cibo.

Il Gennadi Grand Resort invece mi ha fatto ricredere.

La quantità di cibo e la qualità offerta sono elevatissime.

gennadi resort food
L’eccellente cucina del Gennadi Resort.

E’ uno degli hotel nei quali ho mangiato meglio.
Forse addirittura il migliore.

Tutti i pasti mi hanno soddisfatta.

Sia nei bar che nei ristoranti si trovano proposte di altissima qualità. Mi ha colpito inoltre la presentazione dei piatti, che sono sempre curati nel dettaglio.

Ottimi anche gli spuntini di metà pomeriggio e i cocktail serviti a bordo piscina.

La spiaggia

Ed ora, parliamo della spiaggia.

Non c’è la sabbia, ma ci sono dei piccoli sassolini. Consiglio quindi scarpette per entrare in acqua.

Si può fare il bagno anche senza ovviamente, ma è un po’ più scomodo. L’acqua è calda e piacevole.

gennadi hotel mare
Il mare di fronte all’hotel.

La spiaggia è servita molto bene, con la possibilità di ordinare cibo e bevande dal bar e farseli arrivare direttamente sotto l’ombrellone.

I lettini sono molto comodi e abbiamo trovato sempre posto, senza difficoltà.

Nonostante la struttura sia grande, è organizzata molto bene e non abbiamo incontrato situazioni di affollamento, nemmeno in spiaggia.

L’esperienza al Gennadi Grand Resort

La nostra vacanza al Gennadi Grand Hotel è stata davvero piacevole. L’hotel è di altissimo livello, così come i servizi offerti.

In particolare, abbiamo apprezzato il servizio bar della spiaggia e della piscina. Stando comodamente sdraiati sul lettino, è infatti possibile ordinare tramite app cibo e bevande, che ci vengono poi portati da un cameriere, senza che ci sia bisogno di spostarsi.

L’app è necessaria anche per prenotare la spa e le cene nei vari ristoranti a tema. Ed è una gran comodità.

gennadi grand rodhes
Un pranzo a bordo piscina.

Conclusioni

In conclusione, posso dire che il soggiorno al Gennadi è stato rigenerante.

E’ un hotel di lusso, ideale per rispondere a tutte le necessità di una clientela, anche esigente.

L’unico appunto al servizio, a voler proprio cercare il pelo nell’uovo, è che si potrebbe introdurre il riassetto serale della stanza.

Per il resto comunque è una struttura che si distingue e punta all’eccellenza.

La località poi è tranquilla: abbiamo fatto alcune escursioni in barca, ma è comunque un luogo tendenzialmente indicato per chi cerca relax, più che attività o visite particolari.

In conclusione, al Gennadi Grand abbiamo trascorso una bellissima (mini) luna di miele.

Ecco infine la recensione del Kudafushi Resort & Spa, l’atollo delle Maldive dove siamo andati per la nostra luna di miele vera e propria.

A presto,
Carol