Al momento stai visualizzando Mulhouse: cosa fare e vedere in questa città

Mulhouse: cosa fare e vedere in questa città

  • Categoria dell'articolo:Viaggi

Cosa fare e vedere a Mulhouse, una città situata nel cuore dell’Alsazia, in Francia. Cosa vedere, dove andare, cosa visitare in un weekend.

Sono da poco rientrata da un viaggio a Mulhouse, in Francia, una meta amata dagli italiani in quanto facile da raggiungere e dove respirare la tipica atmosfera alsaziana.

La città infatti si trova a breve distanza dal confine svizzero e tedesco ed è facilmente raggiungibile in auto, oltre che con i mezzi pubblici.

Ma quali sono le principali attrattive di questa cittadina? Cosa fare e cosa vedere se abbiamo intenzione di visitare Mulhouse?

Ci sono così tante proposte, adatte agli interessi di ciascuno.

Uno dei tanti aspetti positivi di Mulhouse è la sua vivacità: ci sono infatti una moltitudine di attività da fare e al tempo stesso tutto è a misura d’uomo.

Un soggiorno di paio di notti quindi è l’ideale per assaporare a pieno la bellezza di questa cittadina e ripartire con il cuore colmo di meraviglia.

Vediamo quindi cosa vedere a Mulhouse!

mulhouse francia cosa vedere
Cosa vedere a Mulhouse, in Francia.

Cosa vedere a Mulhouse: il centro storico

Tra le prime cose da vedere a Mulhouse c’è sicuramente il centro storico della cittadina.

Se infatti da un lato questa città è un attivo polo industriale, dall’altra vanta una storia affascinante, ricca di colpi di scena (in particolare per quanto riguarda il suo legame con la Francia) che ne hanno plasmato il centro storico.

In effetti, anche il nostro viaggio alla scoperta di Mulhouse è partito proprio da Place de la Reunion, la piazza principale. Su di essa si affaccia lo splendido municipio, sede anche di un museo.

Ma non solo. Qui infatti troviamo anche una piccola gemma: la Pharmacie au Lys. Questa è la farmacia più antica di Francia, dato che è in attività fin dal 1649 (senza mai aver subito interruzioni!).

farmacia au lys mulhouse
Farmacia Au Lys di Mulhouse, nel centro città.

In realtà, l’edificio però risale addirittura al 1634, quando era una bottega di stoffe.

E’ davvero emozionante osservarla, pensando a tutto il suo passato!

Tra i vari monumenti storici di Mulhouse, in questa piazza troviamo anche la Maison Mieg, che prende il nome dalla famiglia nobile che ospitava in passato e di cui abbiamo notizie fin dal 1418.

place de la cathedrale mulhouse
Place de la Cathedrale di Mulhouse: il tempio di Sant’Etienne.

Infine, di fronte ai vari cafè di questa piazza troviamo l’imponente Cattedrale di Saint-Etienne, i cui lavori di costruzione sono iniziati nel 1859.

In questa zona possiamo rilassarci in uno dei tanti locali tipici, per poi continuare la nostra visita.

Consiglio poi di proseguire la passeggiata alla scoperta dell’arte moderna.

street art mulhouse
Street art a Mulhouse, in Francia.

In effetti, Mulhouse è famosa per la sua street art: le opere di vari artisti sono disseminate negli angoli del centro città, e non solo.

La maggior parte sono murales, ma non mancano anche installazioni moderne come cassette delle lettere, ricami su alberi e via dicendo.

mulhouse cosa fare street art
Cosa fare a Mulhouse: ammirare la street art.

Cosa fare a Mulhouse: i musei della città

Una delle qualità per cui è conosciuta Mulhouse è l’alto numero di musei che ospita sul suo territorio, seconda in Francia solo a Parigi. Wow!

Questo è valso a Mulhouse l’appellativo Città dei Musei.

In effetti, ad oggi qui si contano più di 25 musei, che attirano ogni anno oltre 650mila visitatori.

Qualche nome? Il museo delle belle arti, della stampa su stoffa, dell’automobile, l’ecomuseo,…

Molti di questi ospitano sia collezioni permanenti che mostre temporanee.

Cosa vedere a Mulhouse: Musée de l’Impression sur Étoffes

Il Musée de l’Impression sur Étoffes di Mulhouse è innanzitutto un omaggio al passato artigianale della cittadina.

Nel XVIII infatti l’interesse per i tessuti stampati in cotone è altissimo, ma la produzione nazionale francese soffre per la concorrenza delle nuove stoffe che arrivano dall’India. In particolare, ci rimettono lana e seta, più preziose ma molto più costose.

Proprio per tutelare questi commercianti, in Francia viene fatto divieto di fabbricare i tessuti dipinti.

Questo divieto protezionistico però non si estende a Mulhouse, che all’epoca è una città indipendente e non deve quindi sottostare al volere del re francese.

La stampa su tela quindi vive un periodo vivacissimo a Mulhouse, anche perché i ricchi nobili di Parigi sono disposti a rischiare molto pur di accaparrarsi abiti in cotone stampato.

Ufficialmente è un reato, in realtà il commercio di contrabbando è più fiorente che mai.

A guadagnarci sono proprio gli artigiani di Mulhouse, che diventano sempre più abili.

Questa bravura viene celebrata nel Musée de l’Impression sur Étoffes, che ospita anche stoffe che arrivano dal Giappone, dall’India, dall’Africa, dall’Indonesia,…

Cosa vedere a Mulhouse: Cité du train

Tra i vari musei, ho visitato la Cité du train, famoso per essere il più grande museo ferroviario d’Europa.

Il museo è suddiviso in 3 aree, due al chiuso e una all’aperto. La prima zona è piuttosto cupa e ospita treni di epoca più antica. Su alcuni è anche possibile salire e visitare l’interno: un momento emozionante.

prima classe museo del treno mulhouse
Il vagone ristorante della prima classe, al museo dei treni di Mulhouse.

Non mancano poi le ricostruzioni di momenti salienti legati al mondo della ferrovia. Quello che più mi ha colpito è la messa in scena di uno spezzone tratto dall’opera Assassinio sull’Orient Express, della mitica Agatha Christie.

E’ interessante vedere come evolvono i treni e le differenti sistemazioni, da quelle più lussuose di prima classe, fino ad arrivare a quelle più semplici.

Nella zona all’aperto ci sono diverse installazioni che piaceranno molto ai bambini (tra questi, Le P’tit Train e Le Mini Express d’Alsace) ma di cui possono godere anche gli adulti. Noi abbiamo fatto un breve giro anche su un treno d’epoca, che risaliva alla fine dell’800.

Suggestiva poi la riproduzione di una stazione ferroviaria.

Infine, nella terza zona è possibile ammirare l’evoluzione dei treni, arrivando fino al veloce TGV. In questo settore possiamo vedere anche qualche auto d’epoca e lo splendido treno presidenziale, un vero gioiellino. Gli interni sontuosi sono uno spettacolo.

Prima di uscire, sono anche presenti dei plastici con modellini di treni, di varie dimensioni.

Insomma, una visita alla Cité du train merita davvero! Noi l’abbiamo raggiunta in auto: si trova a pochi minuti dal centro di Mulhouse ed è dotata di un comodo parcheggio. In alternativa, possiamo usare i mezzi pubblici: basta prendere il tram (linea 3) o il tram-train, fermata Musée.

Infine, volendo possiamo anche fermarci a bere o mangiare qualcosa nell’apposito locale interno del museo.

Cosa vedere a Mulhouse: Musée des beaux-arts

Villa Steinbach è la sede del museo di belle arti di Mulhouse, dedicato all’arte europea.

Inaugurato nel 1864, questo museo ospita una collezione permanente, con opere che vanno dalla fine del Medioevo fino al ventesimo secolo, ma il punto forte sono i quadri che appartengono al periodo 1860-1914.

Ogni anno inoltre il museo ospita delle mostre temporanee di grande fascino, con esposizioni che possono durare qualche mese, ma anche esposizioni biennali.

Il museo è chiuso il martedì e i giorni festivi. I suoi orari di apertura sono 13-18:30, ma sono più ampi in estate (luglio e agosto) e durante il periodo del mercato di Natale.

L’ingresso è gratuito.

Cosa vedere a Mulhouse: il parco faunistico di Mulhouse

Mulhouse è anche la sede di uno dei più antichi parchi faunistici di Francia, nato nel 1868 e che oggi si sviluppa su oltre 25 ettari.

Lo abbiamo visitato durante la terza giornata a Mulhouse ed è stata una piacevole scoperta.

Il Parc Zoologique & Botanique de Mulhouse si trova infatti a breve distanza dal centro città e ospita più di 900 animali appartenenti a 170 specie e 3500 varietà di piante.

fenicotteri rosa zoo mulhouse
Fenicotteri rosa al parco zoologico di Mulhouse.

Il centro è inoltre attivo nella cura e nella tutela di piante e animali a rischio di estinzione, tanto che ben 94 delle specie animali ospitate sono in pericolo.

Abbiamo visto molti animali e quasi tutti erano svegli: alcuni persino giocavano tra di loro!

Tra i tanti animali, ci sono l’orso bianco, diverse scimmie, la volpe artica, la lince, il panda rosso, la lontra, l’otaria, la zebra, l’alpaca, vari pappagalli, il lupo, la tigre,…

All’ingresso del parco è anche presente una tabella con indicati gli orari di tutte le attività speciali del centro, quando gli operatori danno da mangiare ai vari animali: 10 momenti da non perdere!

Il mio consiglio è quello di arrivare il prima possibile: troveremo meno persone e ci sono maggiori probabilità di vedere gli animali attivi.

Oltretutto, nel 2024 apre una nuova zona, dedicata ai grandi animali africani: da non perdere!

Quanto tempo dedicare ad una visita a questo parco? Consideriamo almeno 3 ore, ma se abbiamo tempo possiamo trascorrerci anche l’intera giornata, senza annoiarci.

Prezzo di un biglietto intero: dal 21 marzo al 31 ottobre 17,50 €, nel resto dell’anno 11,50 €.

Come organizzare un viaggio a Mulhouse: itinerario e tempistiche per vedere il meglio della città

Questa città si presta ad essere visitata anche in una giornata, durante un tour dell’Alsazia.

Dato che offre così tante cose da vedere però, l’ideale a mio avviso è dedicare almeno 3 giorni alla visita di Mulhouse.

Ecco come abbiamo organizzato il viaggio, raggiungendo la città in auto.

Giorno 1: partenza dall’Italia di buon mattino e arrivo a Mulhouse intorno alla 14. Check in in hotel e poi visita al primo museo, la Cité du train.

Giorno 2: visita del centro città. Focus sulle opere di street art e pranzo in centro. Pomeriggio dedicato ad un’escursione tra i boschi e le vigne che circondano la città. In caso di maltempo, avremmo visitato un altro museo.

Giorno 3: check out e visita al Parc Zoologique & Botanique de Mulhouse. Pranzo nei dintorni del parco e ripartenza per l’Italia.

Maggiori informazioni sono disponibili sul mio profilo Instagram, nelle stories salvate nella cartella con il nome “Mulhouse Alsazia”.

cosa vedere a mulhouse vigneti
Cosa vedere a Mulhouse: i vigneti.

Consigli per vivere al meglio Mulhouse

In questa sezione ci concentriamo su una serie di consigli per vivere al meglio il nostro viaggio a Mulhouse e organizzare tutto nel migliore dei modi.

Il primo consiglio riguarda la durata del soggiorno: un paio di notti sono sufficienti per vedere le principali attrazioni della città. Se però siamo interessati a vedere più musei, potrebbe essere indicato fermarsi di più.

Nel periodo invernale inoltre non può mancare una visita ai tipici mercatini natalizi, dove si respira una bellissima atmosfera di Natale.

Una visita a Mulhouse è anche l’occasione giusta per gustare i piatti tipici della regione e assaporare i vini alsaziani. A fine articolo troviamo il link per approfondire l’argomento.

Potrebbe poi essere conveniente prende il Mulhouse City Pass, da sfruttare per fare varie attività a prezzi vantaggiosi. Con questo infatti abbiamo l’ingresso gratuito in un museo e riduzioni su tutti gli altri. Oltre a scontistiche sui trasporti.

Il clima può essere imprevedibile: consiglio quindi di tenere sempre a portata di mano un pratico kway, che ci permette di restare all’asciutto anche in caso di pioggia e di muoverci con agilità.

Utile anche una sciarpa leggera, per proteggersi dal vento. Indispensabili infine un paio di scarpe comode.

Conclusioni

Bene, siamo arrivati alla fine di questa guida su cosa vedere a Mulhouse, in Francia.

Devo dire che questa cittadina è stata una scoperta davvero piacevole. Trovo infatti che sia una gemma ancora poco conosciuta, dove possiamo fare tantissime attività differenti, senza la ressa tipica dei grandi centri turistici.

Qui infatti si respira un’atmosfera autentica, che ti conquista con la sua genuinità.

Per organizzare al meglio il viaggio, di seguito troviamo due guide complementari che renderanno più semplice pianificare il nostro soggiorno:

– Dove dormire a Mulhouse: recensione di La Maison Hotel, in pieno centro,
– Dove e cosa mangiare a Mulhouse: i migliori piatti tipici dell’Alsazia (in arrivo la prossima settimana).

A presto,
Carol

I prezzi e gli orari indicati in questa guida sono stati accuratamente verificati, tuttavia potrebbero subire modifiche successive alla data di pubblicazione dell’articolo. Vi invitiamo quindi a controllare eventuali aggiornamenti.